Presa

Il PROGETTO LIFE + MANEV

Valutazione e gestione delle tecnologie di trattamento dei reflui zootecnici per la tutela ambientale e la sostenibilità della zootecnia in Europa: MANEV.

Manev è un progetto europeo di dimostrazione su larga scala, nell'ambito del programma LIFE + Politica e governance ambientali, il cui obiettivo principale è quello di migliorare la protezione dell'ambiente e la sostenibilità degli allevamenti intensivi. Promuovere l'utilizzo di tecnologie di trattamento nelle diverse aree sature o con eccedenze nella produzione di reflui zootecnici in tutta Europa.

Il progetto si compone di 8 partner. Verranno valutate 13 tecnologie di trattamento e sistemi di gestione degli effluenti di allevamento, che si trovano in 8 regioni con allevamenti di suini intensivi appartenenti a 4 paesi europei, nel progetto verrà stabilito un protocollo comune di monitoraggio e valutazione. I risultati di ogni valutazione possono essere tradotti in unità di CO2 equivalente in modo da definire il loro contributo alla lotta contro il cambiamento climatico.

Con i risultati ottenuti da queste valutazioni sarà possibile sviluppare uno strumento di supporto alle decisioni che permetta di valutare le soluzioni da adottare nelle diverse realtà locali. I confronti saranno di tipo tecnologico e ambientale, ma anche sociale, economico, per ogni area di studio.

In questo modo, l'Europa potrà fornire uno strumento comune di valutazione per le diverse tecnologie a beneficio sia del settore agricolo (ricerca per la tecnologia ottimale), sia dell'amministrazione del territorio (controllo ambientale e la promozione dell'uso di tecnologie).

DURATA: 48 mesi (gennaio 2011 - dicembre 2014)

BILANCIO del PROGETTO:

  • Totale: 4.165.832 €
  • Cofinanziamento europeo: 2.076.153 €

Azione: Scenario dell' Università di Milano

Valutazione di un impianto consortile di trattamento e sistema di gestione per la produzione di energia e la rimozione dell’azoto in Lombardia.

L’Università degli Studi di Milano valuterà un impianto consortile per il trattamento di digestione anaerobica (AD) e la rimozione dell'azoto.

L'impianto per il trattamento raccoglie gli effluenti prodotti da 10 aziende agricole (suini, bovini e avicoli) con una produzione totale di 300 m3/giorno.I reflui raccolti dai diversi allevamenti sono trasportati mediante tubazioni o mediante carrobotte all’impianto dove vengono trattati in una prima fase di digestione anaerobica (AD) al fine di recuperare il biogas. La successiva separazione di fasi produrrà una frazione liquida e una frazione solida.

La frazione liquida viene trattata in un Sequentially Batch Reactor (SBR) per la rimozione di azoto tramite un processo di nitrificazione e denitrificazione (N / DN). Tra la AD e la SBR viene inserita una fase di separazione solido-liquido per ridurre il carico e per separare la maggior parte del fosforo. La frazione solida può essere gestita in modo da evitare un surplus di Fosforo nell’area.

Scheme of the AD+SBR treatment technology.

Foto


  • Digestori anaerobici.


  • Ingresso di biomasa al processo.


  • Fraziones solida.


  • Processo di aerazione in reattore SBR.